Il dopo Rimini dell’avvocatura, Armetta a MasterLex: “Adesso guardiamo al futuro”

0

Il XXXIII Congresso Nazionale Forense di Rimini si è concluso sabato 8 ottobre ma adesso, per l’avvocatura italiana, è già tempo di programmi e lavori. Abbiamo intervistato, per cercare di delineare un bilancio dei lavori del Congresso, l’Avvocato Antonello Armetta del Foro di Palermo e membro di AGIUS, ASSOCIAZIONE GIURISTI SICILIANI.

Avvocato Armetta, lei con la sua associazione AGIUS è stato uno dei protagonisti del Congresso Nazionale Forense. Che bilancio traccia di questa tre giorni?

“Credo, innanzitutto, che i protagonisti siano altri, più illustri. Noi abbiamo fatto un grande lavoro, di contenuto e merito, ed abbiamo cercato di contribuire alla discussione portando idee e voglia di fare. Il bilancio di questo congresso è, però, tutto da costruire: sono certo che, quantomeno sotto l’aspetto psicologico, l’aver dato vita ad un nuovo organismo che sostituisca il vecchio sistema della rappresentanza unitaria -ormai evidentemente fallito- possa dare slancio alla politica forense. Vedremo il seguito. Peccato per la fine del congresso: non ammettere le mozioni politiche, con quelle motivazioni vuote e contraddittorie, ha creato amarezza e delusione”.

Agius è riuscita a far approvare una mozione storica che cambierà, per sempre, la vita di migliaia di avvocati italiani. Paternità e maternità finalmente equiparati. Ci vuole spiegare meglio cosa significa? 

14642327_10211505847265952_6333511912413296977_nAvevamo presentato ben tre mozioni che meritavano di essere approvate, ma ciò che è successo sull’ammissione delle mozioni lo sappiamo tutti. Hanno però accolto il nostro reclamo, e dunque è stata riammessa e poi approvata dal Congresso la mozione per l’equiparazione tra le prestazioni di maternità e quelle a favore della paternità.
Molto semplicemente, abbiamo chiesto ed ottenuto che le istituzioni, forensi e politiche, parifichino il fenomeno della paternità a quello della maternità, riconoscendo all’avvocato padre il diritto alla indennità al pari dell’avvocato madre. L’indennità, inoltre, andrà determinata tenendo conto dell’intero reddito dichiarato, e non solo di una quota parte di esso come avviene oggi: in altri termini, l’indennità dovrà essere aumentata. La mozione prevede anche che per le gestazioni a rischio l’indennità venga corrisposta per l’intera gravidanza, e non per soli 5 mesi, e che tutte le domande possano essere presentate telematicamente. Voglio ringraziare il gruppo GiovaneAvvocaturaLab, il cui lavoro ha permesso di elaborare questa importantissima mozione: c’è una giovane avvocatura, in Italia, che ha davvero a cuore l’interesse collettivo. È da lì che bisogna ripartire”.

Argomento principale del Congresso è stata la rappresentanza e il rapporto con il governo. Cosa crede cambierà con il nuovo OCF?

Guardiamo al futuro, l’Oua era già morta ed è stato accertato il decesso. Oggi c’è questo nuovo organismo, OCF, che oltre a rappresentare politicamente l’avvocatura dovrà soprattutto dare attuazione ai deliberati congressuali: se non si fa questo è inutile fare i congressi.  Ma non basta, perché adesso bisogna mandare all’OCF i migliori di noi, che abbiano la capacità di costruire e vedere lontano; se così non sarà, avremo perso anni inutilmente. Dobbiamo parlare con la politica, essere portatori di interessi sani per la classe forense, e soprattutto migliorare le condizioni degli avvocati più deboli, giovani e non solo, che hanno bisogno di essere adeguatamente rappresentati.
Noi di A.GIU.S. pensiamo che questa sia la via maestra, perché non è ammissibile una avvocatura a due velocità: oggi i più forti devono lavorare per coloro che non sono favoriti dal mercato e dalla crisi.
È dura, ma bisogna insistere e lottare per questo”.

Redazione

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi