Ecco i criteri di valutazione per la correzione degli scritti dell’esame di abilitazione forense 2016

0

avvocati

Ecco i «criteri di valutazione per l’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione forense» elaborati dalla Commissione centrale e pubblicati l’1 dicembre dal Ministero della Giustizia a cui dovranno attenersi tutte le Sottocommissioni per la correzione delle prove scritte.

  1.  correttezza della forma grammaticale, sintattica ed ortografica e padronanza del lessico italiano e giuridico;
  2. chiarezza, pertinenza e completezza espositiva, capacità di sintesi, logicità e rigore metodologico delle argomentazioni giuridiche;
  3. dimostrazione di concreta capacità di risolvere problemi giuridici anche attraverso riferimenti alla dottrina e l’utilizzo di giurisprudenza; il richiamo a massime giurisprudenziali riportate nei codici annotati è consentito; tuttavia, i relativi riferimenti testuali vanno adeguatamente virgolettati o comunque deve esserne indicata la fonte giurisprudenziale;
  4. dimostrazione della conoscenza dei fondamenti teorici degli istituti giuridici trattati pertinenti al quesito da risolvere;
  5. dimostrazione della capacità di cogliere gli eventuali profili di interdisciplinarietà;
  6. coerenza dell’elaborato con la traccia assegnata ed esauriente indagine dell’impianto normativo relativo agli istituti giuridici di riferimento;
  7. capacità di argomentare adeguatamente le conclusioni trattate, anche se difformi dal prevalente indirizzo giurisprudenziale e/o dottrinario;
  8. dimostrazione della padronanza delle scelte difensive e delle tecniche di persuasione, per ciò che concerne, specificamente, l’atto giudiziario.

Nelle ipotesi in cui le Sottocommissioni, in sede di correzione, «rilevino la presenza di elaborati uguali per forma e sostanza, si procederà all’annullamento di idoneità di tutti i candidati per i quali si sia rilevata la predetta anomalia ; se però la Sottocommissione riuscirà ad individuare il candidato plagiante, dovrà procedere alla esclusione solo di quest’ultimo»

Inoltre, nel documento si raccomanda a tutte le Sottocommissioni la «massima e rigorosa attenzione in ordine al divieto di introdurre nelle aule d’esame – a pena di esclusione dall’esame – carta da scrivere, appunti, manoscritti, libri o pubblicazioni di qualunque genere non autorizzati – ad eccezione dei codici anche commentati esclusivamente con la giurisprudenza nonché delle leggi e decreti dello Stato – telefoni cellulari, agende elettroniche, computer e qualsiasi strumento idoneo alla memorizzazione di informazioni o alla trasmissione di dati».

Quanto alla correzione degli elaborati, è invece stabilito che questa dovrà iniziarsi «non oltre il 16 gennaio 2017 e dovrà concludersi entro il 16 giugno 2017, data prorogabile una sola volta e per non oltre ulteriori 90 giorni, con provvedimento del Presidente della Corte d’Appello, per motivi eccezionali e debitamente accertati».

(Amer)

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi