Code in tribunale: revocato il sit-in di protesta a Palermo

0

Code in tribunale: revocato il sit-in di protesta a Palermo

Ogni mattina, a Palermo, un avvocato si alza, si reca in tribunale per lavorare e tutelare i diritti del cittadino, ma è costretto a trascorrere gran parte del suo tempo prezioso in coda per i controlli di sicurezza previsti per entrare. Una situazione che va avanti da molto, troppo tempo e che ha comportato la sollevazione di proteste.

Di concerto con Agius – Associazione Giuristi Siciliani e Aiga – Associazione Italiana Giovani Avvocati, la Camera penale di Palermo aveva indetto un sit-in in programma, mercoledì 31 gennaio dalle ore 9 alle 10.30, davanti all’ingresso del nuovo Palazzo di giustizia. Unico obiettivo quello di far sentire la propria voce di protesta contro la gestione dei controlli.

Qualche ora fa, sui social, è stato pubblicato un post che comunica l’annullamento del sit-in: «Grazie al lavoro svolto nelle opportune sedi dal COA sembra risolto il problema dell’ingresso al Tribunale di Palermo. Giorno 31 non sarà necessario – stando così le cose – manifestare. Grazie a tutti per l’impegno profuso nella vicenda».

A scriverlo Antonello Armetta, consigliere dell’Ordine nonché vicepresidente di Agius. «Il problema delle code al tribunale che sembrava essersi risolto a novembre, si è ripresentato lo scorso mercoledì e ci ha spinti ad organizzare una forma di protesta, volta a tutelare tutti coloro i quali esercitano abitualmente la professione di avvocato» – spiega lo stesso Armetta.

Code in tribunale: sicurezza, burocrazia, percezioni

sicurezza-tribunale«Per venire incontro alle esigenze dei liberi professionisti, stamattina è stato aperto un varco apposito per gli avvocati che velocizza le procedure di controllo – prosegue. Così, abbiamo deciso di annullare il sit-in ma, qualora la situazione non migliori, siamo pronti a far sentire ancora una volta la nostra voce». Quella della sicurezza nei tribunali è una tematica che riguarda da vicino l’Italia intera.

Il tribunale non è percepito come un luogo sicuro. Da un’indagine interna dell’Associazione Nazionale Magistrati (ANM) è emerso che un magistrato su due ha paura di andare a lavorare. In particolare, si è evinto che i controlli sono spesso superficiali e le strutture fatiscenti.

Ma la percezione del tribunale come un luogo affatto sicuro è dovuta anche a motivi connessi alla sua natura. È in tribunale che vengono risolte le controversie e non di rado, nei processi, vengono coinvolte persone che, per disperazione, compiono gesti gravi. Qualche anno fa, un uomo riuscì ad entrare all’interno del Tribunale di Milano e diede inizio a una sparatoria in cui restarono uccise due persone.

Intanto, mentre qualcuno propone l’individuazione di linee guida per avere profili professionali a tutela dei tribunali e delle risorse, circa un anno e mezzo fa il Ministero della Giustizia ha stanziato 5 milioni di euro.

Fondi che serviranno, tra l’altro, a delimitare la cittadella giudiziaria del capoluogo siciliano in cui lavorano una trentina di magistrati sotto scorta, con dei tornelli per il personale e dei dispositivi per gli utenti.

Eloisa Zerilli

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi