Giudici pace, ogni forma di protesta contro riforma Orlando. “Noi i pummarò della giustizia italiana”

0

giudice di pace

Roma, 11 lug. – Continua lo sciopero dei giudici di pace e, a partire dal 26 luglio, entrano in sciopero i magistrati onorari di tribunali e procure. “La riforma Orlando indegna di un Paese civile: saranno 4 anni di scioperi e proteste”, annunciano i giudici di pace che denunciano di sentirsi trattati come ‘pummarò della giustizia”.

Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo di riforma della magistratura onoraria e di pace, ma le proteste non si fermano. “Accentueremo nei prossimi mesi ogni forma di protesta contro il ministro Andrea Orlando”, si legge in una nota dell’Unione nazionale dei giudici di pace, “scioperi ripetuti a intervalli, sospensioni dal servizio, manifestazioni di piazza, azioni giudiziarie interne ed internazionali. Impugneremo tutti i decreti ministeriali attuativi della riforma e solleveremo pregiudiziali dinanzi alla Corte di Giustizia Europea ed alla Corte Costituzionale”.

“A ottobre – continua la nota – in occasione della seduta ove si discuteranno le nostre petizioni al Parlamento Europeo, manifesteremo a Bruxelles denunciando la barbarie di questa riforma, indegna di un Paese civile e democratico. Sono state violate tutte le disposizioni della Costituzione e delle Convenzioni internazionali che garantiscono l’indipendenza del giudice e l’autonomia degli uffici, nonché i diritti inviolabili dei magistrati ad un trattamento economico e previdenziale dignitoso”.

“Il ministro Orlando – stigmatizza il sindacato dei giudici di pace – è stato così pervicace nella sua volontà di umiliare la magistratura onoraria e di pace, da non ascoltare nessuno dei suggerimenti perorati dalle Commissioni parlamentari, dal Csm, dai capi degli uffici, da tutti i più illustri costituzionalisti. Con la pubblicazione del decreto legislativo si battezzerà una nuova forma di apartheid, che riguarderà lavoratori pubblici che emettono sentenze in nome del popolo italiano: da una parte ci saranno i magistrati di carriera, ad impartire direttive, dall’altra i magistrati onorari, trattati come pummarò della giustizia, a lavorare come schiavi senza alcun diritto o tutela per smaltire oltre l’80% del contenzioso giudiziario civile e penale”.

(Red/AdnKronos)

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi