Generazione 2.0, il Garante della privacy fa APP-ello alla consapevolezza

0

Tecnologia

Generazione 2.0, il Garante della privacy fa APP-ello alla consapevolezza

Per i nostalgici, abituati a sfogliare le pagine di un tradizionale vocabolario della lingua italiana, sarà un duro colpo trovare l’abbreviazione App.

Nell’era di smartphone e tablet, però, per app-licarsi servono 4 semplici mosse: vai all’App Store-ottieni-installa-inserisci password. Così, in pochissimo tempo, potrai toccare (chi, oggi, non ha il touch screen?) con mano WhatsApp, Instagram, Facebook, Twitter, Skype, TripAdvisor, Linkedin, YouTube, Spotify, Google Maps e ogni altro congegno necessario per comunicare, fotografare, postare, cinguettare, telefonare, recensire hotel e ristoranti, sponsorizzare il curriculum vitae, guardare film, ascoltare musica, orientarsi in città.

app a prova di privacy

Ma, per orientarsi davvero quando si naviga, è necessaria un’ulteriore app?

Touché.

Abbiamo bisogno di un comandante al timone che, tra le onde della tecnologia, ci indirizzi verso un porto sicuro?

Ci pensa il Garante per la protezione dei dati personali a puntualizzare alcune linee guida utili per gli utenti del web.

E se, parafrasando un antico proverbio, “click frettoloso fa applicazioni insidiose”, occorre essere smart: fare attenzione ai pericoli segnalati dal Garante, alzare la soglia di prudenza e attenersi alle cautele suggerite.

Conoscenza dei rischi e consapevolezza degli strumenti per tutelare la privacy sono, infatti, i passepartout per “scaricare” in sicurezza, secondo le indicazioni offerte dal Garante della privacy.

Di seguito, pertanto, una serie di accortezze da osservare in rete:

Condizioni d’uso.

app
app

Prima di installare una app, verifica quanti e quali dati potranno essere oggetto di raccolta e utilizzo.  E’ possibile, infatti, che una app richieda l’accesso ad immagini, a file custoditi in memoria, ai contatti salvati in rubrica, alla fotocamera. Fondamentale è, quindi, controllare le condizioni d’uso dei servizi, così da sapere chi tratterà i tuoi dati personali e per quale scopo.

Inoltre, dai sempre un’occhiata alle impostazioni delle app, poiché potrebbero prevedere la pubblicazione online immediata e automatica delle informazioni raccolte.

Dimmi che social hai e ti dirò dove sei.

Preso da mille impegni (commenti ad un post, conteggio dei like sulla foto profilo, aggiornamento dell’immagine di copertina) sottovaluti, forse, che la app dei social network potrebbe essere connessa con il sistema di geolocalizzazione del dispositivo. Inoltre, se utilizzi applicazioni inerenti la salute o lo sport, notizie sulla tua condizione fisica potrebbero essere trasmesse a terzi. Attenzione, non è piacevole far sapere a tutti dove ti trovi e quanti kg devi perdere!!

Condivisione e privacy.

Se ti piace pubblicare foto e video, accertati che anche le persone riprese gradiscano la diffusione online delle immagini. Altrimenti dovrai fare a meno di “condividere” il tempo libero con i tuoi amici.

Prevenire è meglio che curare.

Verifica la fonte di provenienza della app; se, poi, non sei convinto della sua affidabilità, rivolgiti ai market ufficiali. Essi, infatti, offrono adeguate garanzie di controllo sul software e consentono di leggere i giudizi degli altri utenti, cosicché sarà possibile monitorare la qualità delle app con maggiore sicurezza. Per precauzione, inoltre, installa anche software anti-virus.

Riservato alla privacy dei minori.

smartohone e computer
smartohone e computer

In realtà, però, tale monito è rivolto ai genitori. Non avendo gli strumenti per comprendere pienamente i rischi sottesi alla raccolta e diffusione dei dati personali, sarà compito degli adulti sorvegliare l’intero processo, così da evitare una gestione incontrollata delle applicazioni.

smartohone e computer e privacy

Ecco, dunque, l’elenco delle operazioni consigliate dal Garante per la protezione dei dati personali a tutela della nostra riservatezza.

Cinque facili step per APP-rocciarsi con consapevolezza alla rete…senza ritrovarsi irretiti dal web!

Claudia Cascio

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi