Quando il pettegolezzo è reato

0

Rivelare di avere intrattenuto una relazione con una donna sposata integra il reato di diffamazione. Così ha statuito la Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 7856/2018.

Il fatto

La vicenda originava dalle scottanti rivelazioni che l’imputato faceva a terzi soggetti relativamente ad una presunta relazione intrattenuta con una donna sposata.

L’uomo svelava, altresì, di essere in possesso di filmati che lo ritraevano in momenti di intimità con quest’ultima.

Le voci giungevano alla donna che, dunque, denunciava l’uomo per diffamazione, chiedendo il risarcimento dei danni lesivi della propria immagine di donna e madre.

L’uomo condannato in primo grado ed in appello, proponeva ricorso in cassazione.

La parola agli Ermellini

La Suprema Corte, ha confermato la condanna dell’uomo affermando che la divulgazione della relazione extraconiugale assume un valore “intrinsecamente offensivo della reputazione” in quanto il tradimento è notoriamente un “comportamento contrario al comune sentire ed ai canoni etici condivisi dalla generalità dei consociati … oltre che al dovere di fedeltà derivante dal matrimonio”.

Inutile anche le giustificazioni addotte dall’uomo sulle modalità delle rivelazioni fatte a terzi, in momenti diversi. Difatti, i Giudici richiamando precedente giurisprudenza ricordano che ai fini dell’integrazione del reato di diffamazione, non è necessario che la comunicazione con la pluralità di soggetti avvenga contemporaneamente con ciascuno di essi, potendo realizzarsi anche in tempi diversi, purché sia rivolta a più destinatari.

Il pettegolezzo è costato all’incauto amante una pesante condanna al risarcimento dei danni nei confronti della donna, costituitasi parte civile, oltre al pagamento delle spese processuali e di euro 2.000 in favore della cassa delle ammende .

Domenica Maria Formica

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi