Reato parcheggiare nel posto riservato ai disabili

0

risoluzione consensuale rapporto di lavoro non dovuta indennità disoccupazione

Commette il reato di violenza privata chi parcheggia la propria auto nel posto riservato ai portatori di handicap (Cass. Pen. 17794/17).

Il fatto

La vicenda originava a quello che troppo spesso si verifica nelle nostre città, ovvero una abusiva occupazione del parcheggio riservato ai disabili da parte di automobilisti disattenti o poco sensibili.

La Corte di Cassazione conferma la condanna a 4 mesi di carcere di un uomo di 63 anni che, nel maggio 2009, aveva lasciato la sua auto in un’area riservata ai portatori di handicap per ben sedici ore.

Una pronuncia importante

Importante questa recente pronuncia degli Ermellini, giunta dopo un lungo iter processuale durato ben otto anni.

Una sentenza storica destinata a fare discutere, con la quale si evidenzia che parcheggiare sulle strisce gialle riservate ai disabili non costituisce più soltanto un’infrazione del Codice della strada, sanzionabile con una multa, ma integra un reato penale.

Infatti, come evidenziato dalla Corte, «quando lo spazio per il parcheggio è espressamente riservato ad una determinata persona, per ragioni attinenti al suo stato di salute, alla generica violazione della norma sulla circolazione stradale si aggiunge l’impedimento al singolo cittadino a cui è riservato lo stallo di parcheggiare lì dove solo a lui è consentito lasciare il mezzo».

Nel caso sottoposto all’attenzione della Suprema Corte, il parcheggio è costato al “disattento” automobilista una condanna al risarcimento di cinquemila euro unitamente a tutte le spese processuali.

Una lezione di diritto o una lezione di civiltà?

Domenica Maria Formica

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi