Dopo di Noi e disabilità, intervista all’onorevole Laura Coccia

0

La legge “Dopo di Noi” (n. 112 del 2016) stabilisce nuovi strumenti di tutela per le persone con disabilità prive del sostegno familiare.

Dopo di noi, la nostra intervista

Sul “Dopo di Noi” abbiamo intervistato Laura Coccia, atleta con disabilità e parlamentare alla Camera dei Deputati.

Perché la legge “Dopo di Noi” è importante?

“E’ importante perché per la prima volta è lo Stato che predispone delle risorse economiche per l’assistenza delle persone con disabilità quando i loro familiari non ci saranno più. Prima tale materia era ad esclusiva discrezione delle Regioni, quindi c’erano delle regioni che prevedevano un’assistenza “Dopo di Noi” e altre che non la prevedevano. Con questa legge lo Stato ripartisce le risorse a tutte le regioni che, quindi, avranno un fondo specifico per il Dopo di noi”.

I criteri per accedere alle misure di assistenza previste dalla legge sono stabiliti con decreto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Le Regioni, però, possono definire nel dettaglio i criteri. Questo potrebbe comportare una diversità di trattamento da Regione a Regione?

Le Regioni, ora che riceveranno le risorse messe a disposizione dallo Stato, non potranno esimersi dal garantire l’assistenza “Dopo di noi” attenendosi ai criteri del Ministero del lavoro e delle politiche sociali“.

La legge istituisce il Fondo per l’assistenza che sarà 56 milioni di euro a partire dal 2018. Considerato che nel 2018 ci saranno le elezioni, i prossimi Governi saranno obbligati a mantenere questo Fondo o potrebbero ridurlo?

Teoricamente i prossimi Governi potrebbero ridurre le risorse del Fondo, perché il piano è sempre limitato nel tempo. Abbiamo visto in passato che alcuni fondi sono stati addirittura svuotati, quindi dipende anche dalla sensibilità dei Governi. L’auspicio è che, invece, si possa anche incrementare“.

laura-coccia-atletaChi si è espresso in maniera contraria al “Dopo di noi” ha addotto che tale legge favorisca le assicurazioni e i privati. Cosa risponderebbe a chi si è opposto?

L’obiettivo della legge è anche quello di creare delle piccole comunità. Chi vuole lasciare la casa al figlio, può anche decidere di destinarla a più persone con disabilità in modo da creare una piccola comunità e non lasciare solo il figlio.

Per quanto riguarda le assicurazioni, se un genitore vuole che il proprio figlio, oltre alla pensione di invalidità e l’accompagnamento, riceva un altro sostegno, può fare un’assicurazione a favore del figlio. Ma questo l’avrebbe fatto a prescindere dalla legge. Il “Dopo di noi” aumenta la detrazione fiscale per chi decide di usufruire di un’assicurazione a favore della persona disabile”.

Qual è il suo pensiero su questa legge e quali saranno i prossimi obiettivi nell’ambito dell’assistenza sociale?

Questa legge è un fatto storico. Rientra fra quelle leggi per le quali l’Italia è all’avanguardia nel campo dell’assistenza e dei servizi sociali.laura-coccia-2

Adesso dovremo occuparci del “Durante noi”, quel lasso di tempo che intercorre tra la fine degli studi e il “Dopo di noi”. Quindi incrementare quanto previsto dalla legge n. 68 del 1999, sul diritto al lavoro dei disabili. Assicurandosi che gli inserimenti lavorativi delle persone con disabilità vengano rispettati sia dagli enti pubblici che dai privati. E quindi garantire l’inserimento sociale dopo il periodo di studi“.

Livia Carnevale

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi