Inventrice per amore: mamma siciliana brevetta UNICO, un sistema posturale per la figlia disabile

0

esl_8375-1-copia

Quello che sto per raccontarvi in questo articolo non è un approfondimento di natura giuridica, ma una straordinaria storia d’amore, di umanità e di scienza. Ci sono, infatti, storie che somigliano a miracoli e che meritano di essere raccontate e portate all’attenzione delle persone perché conoscerle può aprire la strada ad impensabili conquiste. Ed è un’impensabile conquista quella fatta da una mamma siciliana, che per disperazione e per amore, ha inventato un presidio medico rivoluzionario per la figlia, gravemente disabile.

La storia di Rosaria

UNICO, è il nome che Rosa Troja, insegnante di scuola primaria in un piccolo comune del trapanese, ha dato alla sua invenzione. Una sorta di sostegno morbido, strutturato per avvolgere e sollevare il tronco che, migliorando la postura e sostenendo la colonna vertebrale, evita la compressione della cassa toracica e riduce le crisi respiratorie e la tendenza al soffocamento. Rosaria, così si chiama la figlia dell’insegnante/inventrice, è affetta da una forma di tetraparesi spastica bilaterale che ha danneggiato gravemente il normale sviluppo delle funzioni cognitive e motorie. Le sue condizioni di salute, fin dalla nascita, sono apparse così gravi e compromesse ai medici che, secondo i più autorevoli pareri, Rosaria era destinata ad una vita breve e difficile, come nella maggior parte dei casi simili al suo. Rosaria, oggi, vive ancora, respira, sta seduta sulla sua carrozzina, sorride spesso ed ha 30 anni.

esl_8354-copia-2La nascita di UNICO

Questo accade grazie alla sua mamma che, non potendo accettare l’idea che la scienza non offrisse rimedi validi ai problemi della figlia, ha cominciato nel 1995 a cercare disperatamente una soluzione. Lo studio e la ricerca di forme, materiali, strutture e metodi per poter tenere eretto il tronco di Rosaria, sono iniziati dopo l’ennesima crisi bronchiale e l’ennesima inaccettabile sofferenza per quel corpicino così fragile. Rosa ha iniziato il suo percorso rovistando nella cantina alla ricerca di oggetti con cui dare vita a quell’idea che nella sua mente aveva già una forma, si è arrabbiata con se stessa tutte le volte in cui andava vicino ad un risultato senza poi conquistarlo, ha affrontato la diffidenza e l’indifferenza, ha cercato la collaborazione di ortopedici e sanitari affinché l’aiutassero a trasformare le solite seggiole ed i soliti busti in quel sistema di sollevamento del tronco che era certa potesse realmente migliorare le condizioni di salute di Rosaria e di chi era affetto da patologie simili. Finalmente nel 2008, con l’iniziale aiuto di un tappezziere, da un cubo di poliuretano e da un piccolo telaio, nasce UNICO, il primo sistema di postura per Rosaria che le ha cambiato la vita. Già il primo prototipo, con il suo appoggio per le braccia che favoriva lo scambio circolatorio e la comodità del cuscino in memory form, consentiva a Rosaria di stare seduta fino a cinque ore. Lo speciale sistema di sollevamento del tronco le permetteva di stare eretta senza irritare il cavo ascellare e favorendo la respirazione.

esl_8379-copia-2La conquista del brevetto

Ancora oggi, a distanza di molti anni, UNICO svolge il suo prezioso compito e, nel 2010, è stato brevettato da Rosa in versione super leggera e senza telaio, con il SI del Ministero dello Sviluppo Economico “…alla novità, all’attività inventiva e all’applicazione industriale”. L’invenzione di Rosa, è “unica” nel suo genere in quanto le specifiche ricerche del Ministero hanno confermato che non esiste in Italia, e in tutto il mondo, niente che abbia la stessa funzione di UNICO cioè quella di sollevare la colonna vertebrale e non semplicemente di contenerla. Nel frattempo la coraggiosa mamma di Salaparuta, ha realizzato altri esemplari del presidio per bambini affetti da patologie simili a quelle di Rosaria e sta per pubblicare un libro nel quale racconta l’incredibile storia della sua bimba e di come è nato UNICO, lo strumento che le ha migliorato radicalmente la vita. L’invenzione di Rosa, però, è ancora in attesa di una azienda ortopedica che si interessi alla sua produzione e diffusione e all’appello della signora, mamma inventrice per amore, anche noi di Masterlex ci uniamo nella speranza che da questa storia straordinaria possa nascere una nuova conquista scientifica e di civiltà. Rosy Abruzzo 

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi