ll risparmio amministrato, tipologie di investimenti

0

“Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare” (Seneca)

A87AAF22B1E44D549C9460593770E081_iStock_000011776794XSmall1Abbiamo definito il risparmio, come il reddito non immediatamente speso ma destinato ai futuri consumi, e lo abbiamo classicamente suddiviso in Amministrato, Gestito e Previdenziale in base alle tipologie di investimento, ai diversi regimi fiscali e, soprattutto, alle diverse finalità perseguite.

Già perché è lo scopo che impone le scelte o dovrebbe suggerirle: il fine giustifica i mezzi, ma i mezzi conseguono il fine solo se idonei e correttamente utilizzati.

In poche parole: sappiamo dove andare?  come andare?  quando andare?

Parliamone!

Nel presupposto che ciascuno conosca i propri sogni e le proprie esigenze e tenda al loro soddisfacimento sulla base delle priorità riconosciute, proviamo a scegliere Noi dove andare, tracciando una rotta condivisa, e scegliendo il naviglio più adatto alla nostre capacità nautiche ed al mare che incontreremo…

Il risparmio amministrato, le tipologie degli investimenti

Come detto, il Risparmio Amministrato, investe principalmente in:

  • Conti Correnti e relativa liquidità;
  • Obbligazioni , nelle diverse tipologie dei titoli di debito ammessi;
  • Azioni , anch’esse nelle varie tipologie ammesse;
  • Altre operazioni previste della normativa vigente.

Il risparmio amministrato, investire nel conto corrente bancario

I-pay-online-payment-solutions-risks-261020151Semplice o di corrispondenza a seconda della esigibilità immediata o meno delle somme ivi depositate, esso è un  recipiente contabile destinato a ricevere i flussi reddituali canalizzati e coprire le domiciliazioni delle utenze e dei pagamenti vari del quotidiano. Considerato una forma di deposito e quindi riconosciuto meritevole di tutelato in sede costituzionale, fruisce concretamente della copertura del Fondo Interbancario di garanzia dei depositi; benché la direttiva europea (2014/59) con validità 01/01/2016, abbia significativamente riformato le procedure applicabili in caso di default bancario, limitando la portata dell’intervento pubblico a tutela dei clienti e delle banche.
Oggi il rischio viene spalmato sugli azionisti, su talune categorie di obbligazionisti e, appunto,  sui titolari di conto e titoli nominativi, con copertura pari ad euro 100.000 per codice fiscale.

Ciò detto, il punto viene a spostarsi sull’effettiva portata di tale copertura: analizzeremo meglio questa problematica nei prossimi appuntamenti, chiarendo  cos’è il Fondo, come si compone e con gli apporti di quali soggetti, l’ammontare delle somme messe a disposizione etc…

Il risparmio amministrato, investire in obbligazioni

o.250619La obbligazione: strumento finanziario finalizzato alla raccolta di nuova liquidità da parte degli emittenti/debitori pubblici e privati per lo svolgimento della normale attività economica, si concretizza nell’impegno contrattuale di restituire il capitale ricevuto a scadenza prefissata agli investitori/sottoscrittori, contro il pagamento periodico di cedole di interesse, ove pattuito. Questa definizione prefissa i dati fondamentali di questa “cambiale” il cui presupposto è il trasferimento di una disponibilità temporanea di denaro  a fronte del pagamento di un canone (le cedole appunto), variamente diversificata secondo le seguenti caratteristiche:

  • Obbligazione a tasso Fisso e/o variabile a seconda delle modalità di stacco e  del calcolo della cedola;
  • Obbligazione Zero Coupon dove la cedola viene contabilizzata come la differenza tra il capitale investito e quello poi rimborsato;
  • Obbligazione callable  emessa con la facoltà di rimborso anticipato;
  • Obbligazione strutturata correlata ad una attività economica sottostante;
  • Obbligazione subordinata particolarmente  sottoposta all’andamento economico dell’emittente ed alle forche caudine della nuova direttiva europea del Bail In;
  • Rendita Perpetua ossia lo strumento finanziario privo di scadenza a fronte di una erogazione perpetua di un cedola.

Con casistica a parte citiamo, per importanza e diffusione, i cd “Titoli di Stato” nelle varie tipologie (Bot, BTP, CCT etc) in cui il debitore/emittente è un Ente Nazionale (lo Stato) od anche Sovranazionale (IBRD etc.).

Il risparmio amministrato, investire in azioni

Laazione come quota di partecipazione al capitale di una società: i titolari azionisti sono proprietari dei mattoncini minimi di partecipazione al capitale azionario e percettori di un dividendo, quale quota di partecipazione agli utili societari da questa distribuiti. A secondo del regime di circolazione ed in rapporto ai diritti attribuiti si distinguono azioni nominative/proprietario  ed al portatore/possessore:

  • azioni Ordinarie con diritti economici (dividendo) e di partecipazione (assemblea soci);
  • azioni di Risparmio con diritti solo economici (dividendo maggiorato ma senza partecipazione al voto assembleare;
  • Azioni privilegiate;
  • Azioni a voto limitato.

Oltre tali strumenti finanziari citiamo non esaustivamente il cd “Conto Deposito” ed anche,  per diffusione e vasto  utilizzo,  il “Pronti contro termine”, operazione finanziaria di breve termine, usualmente con durata 1/3 mesi e max 12 mesi, che si caratterizza per la predeterminazione  del prezzo di riacquisto di una partita di titoli obbligazionari ceduta dal venditore (la Banca) al sottoscrittore/acquirente (il cliente); sostanzialmente il sottoscrittore presta denaro alla Banca che in cambio gli vende Titoli obbligazionari con l’obbligo di riacquisto a termine: qui l’utile viene rappresentato dalla maggiorazione nel prezzo di riacquisto.

Definite le caratteristiche, l’operatività e gli strumenti finanziari del cd “Risparmio Amministrato” passiamo a definire gli strumenti  e le caratteristiche del cd “Risparmio Gestito” e, successivamente anche del “Risparmio Previdenziale”.

Grazie per l’attenzione, saluti ed alla prossima!

Santino Castronovo

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi