In Islanda la parità di stipendio tra uomo e donna è legge

0

islanda

In Islanda la parità di stipendio tra uomo e donna è legge

È una grande dimostrazione di civiltà, un passo in avanti per il futuro quello compiuto con l’inizio del nuovo anno dall’Islanda. Nel paese, la parità di stipendio tra uomo e donna è diventata legge e tutte le imprese con più di 25 unità hanno l’obbligo di dimostrare che le donne sono pagate alla stessa stregua dei colleghi uomini, pena il pagamento di una sanzione.

Aziende e uffici pubblici coinvolti devono infatti presentare una serie di documenti rilasciati dal governo e rinnovarli ogni tre anni. A vigilare sull’applicazione della normativa saranno preposte la polizia e un reparto specifico della guardia di finanza.

Parità salariale: i sostenitori della normativa

In vigore dall’inizio del 2018, la nuova legge è stata sostenuta dal governo di centrodestra e dall’opposizione, e votata da un parlamento in cui quasi il 50% dei deputati sono di sesso femminile.

La coscienza sociale sulla necessità di portare a compimento un’evoluzione del genere è maturata nel corso degli anni fino a quando, nell’ottobre 2016, migliaia di donne in tutta l’Islanda avevano abbandonato il posto di lavoro alla stessa ora – le 14.38 – per protestare contro la differenza di paga rispetto agli uomini.

La differenza salariale tra uomini e donne è un problema che interessa tutti i Paesi. E se anche in Italia la legge prevede la parità retributiva fra uomini e donne con l’ulteriore garanzia dettata ex. art. 46 d.lgs. 198/2006 sul principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione, il caso islandese è più unico che raro.

Sebbene le donne islandesi continuino a guadagnare tra il 14 e il 18% in meno rispetto ai loro colleghi uomini, il governo islandese prevede di sradicare completamente il divario salariale entro il 2020.

Parità di genere: Islanda al top per il World Economic Forum

islanda-01Quasi a garanzia del fatto che il Paese voglia mantenere quest’importante promessa, è posta la lista dei paesi con il più alto livello di parità di genere stilata dal World Economic Forum, nella quale l’Islanda si posiziona prima da ben 9 anni, sfoggiando un punteggio pari a 0,874 dove 0 indica l’ineguaglianza totale e 1 il massimo dell’eguaglianza.

In particolare, il report mette in evidenza come il Paese sia il top performer quanto a partecipazione politica ed economica delle donne. Proprio il World Economic Forum ha reso fruibile un calcolatore attraverso il quale, inserendo il proprio sesso e la propria data di nascita, si potrà vedere a che età sarà raggiunta la parità di genere a livello economico.

Quel che è certo è che, in media, a livello globale, le donne raggiungeranno l’eguaglianza di salario tra 197 anni. L’Islanda ha tra l’altro il primato della prima donna al mondo a essere eletta democraticamente presidente della Repubblica: Vigdís Finnbogadóttir, quarta presidente del paese, è stata eletta la prima volta nel 1980, ed è stata rieletta nel 1984, nel 1988 e nel 1992, rimanendo così in carica per sedici anni consecutivi.

Di più, anche l’attuale prima ministra è una donna, così come molte delle ministre che compongono il suo governo. Grazie alla nuova normativa già approvata lo scorso aprile, è vietata nel settore pubblico e nel privato ogni forma di discriminazione riguardante non solo il sesso, ma anche la razza, la religione, le disabilità, l’età e l’orientamento sessuale.

Eloisa Zerilli

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi