Legnini, le toghe che fanno politica restino fuori dai tribunali

0

legnini giovanni

 

Roma, 15 lug. – Le toghe che tornano in Aula dopo una parentesi politica? Stiano fuori dai tribunali. E’ questo, in sostanza, quanto afferma oggi in un’intervista al Messaggero il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini. Quanto al disegno di legge che ne regolerebbe le modalità in caso di ritorno in tribunale, “permane a mio avviso un punto debole. Parlo della disciplina del reingresso in ruolo del magistrato che ha compiuto un’esperienza politica”.

“L’auspicio che ho formulato, e che corrisponde al contenuto della delibera del Consiglio, è che si possa approvare una norma che impone a chi abbia ricoperto un incarico elettivo o di governo, tanto più se prolungato, di non tornare a fare il magistrato, optando per altre funzioni, quali l’Avvocatura dello Stato, il ministero della Giustizia o altre pubbliche amministrazioni”. Per il vicepresidente del Csm, sulla proposta ci sarebbe “largo consenso nella magistratura”.

(Rep/Adnkronos)

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi