G7 di Taormina, il nostro Paese in prima linea

0

Lettori di “Qui Difesa”, come è noto ha preso avvio il G7 a presidenza italiana che vedrà il nostro Paese in prima linea nella discussione di temi globali, che spaziano dalla sicurezza allo sviluppo sostenibile, dalla riduzione delle disuguaglianze all’innovazione, cui i sette grandi della terra sono chiamati a dare risposte concrete.

Il lavoro complessivo è stato suddiviso in tre punti principali. Il primo, tenuto conto dell’instabilità geopolitica che caratterizza il nostro presente, è dedicato ai temi sulla sicurezza dei cittadini; il secondo ha ad oggetto la sostenibilità economica e sociale e la lotta contro le disuguaglianze, mentre il terzo l’innovazione intesa come fonte di prosperità e crescita inclusiva.

Il Vertice dei Capi di Stato e di Governo sarà ospitato il 26 e il 27 maggio prossimi nella città di Taormina, scelta come sede per mettere in risalto il valore dell’accoglienza in un momento storico caratterizzato dall’emergenza dei flussi migratori cui la comunità internazionale è chiamata a dare risposte concrete.Di fronte al rischio di attacchi terroristici e alle continue e mutevoli minacce all’incolumità, le nostre istituzioni hanno predisposto un sistema in grado di prevenire e reprimere ogni eventuale rischio legato alla sicurezza del Vertice.

La Commissione Difesa ha esaminato il decreto legge del 29 aprile 2017, n. 54 con il quale il Governo ha disposto l’incremento di 2.900 unità del contingente del personale delle Forze armate. In particolare, 1.923 verranno impiegate per la vigilanza dei siti e degli obiettivi sensibili della città di Taormina, 432 per il controllo delle frontiere marittime e aeree di Sicilia e Calabria e 545 unità per la difesa dello spazio aereo e navale.

Tonino Moscatt

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi