L’impegno crescente dell’Italia contro le nuove sfide del cyber-crimine

0

Cari lettori di “Qui Difesa”, questa settimana alla Camera si è ampiamente discusso di cybersecurity e di difesa dello spazio cibernetico, per questo ho deciso di riproporvi l’argomento facendo delle precisazioni e degli approfondimenti.

A tal proposito, si è tenuta ieri l’audizione sulle problematiche legate alla difesa e alla sicurezza nello spazio cibernetico davanti alle commissioni Affari costituzionali e Difesa del Prefetto Alessandro Pansa, Direttore generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (DIS).

Oggi il suddetto tema è stato maggiormente approfondito in occasione del seminario internazionale intitolato “Il pericolo corre in rete. La nuova frontiera della minaccia cibernetica”, svolto qui a Montecitorio con la partecipazione di autorevoli figure quali il Ministro Pinotti e il Capo di Stato Maggiore Gen. Graziano, ma anche di rappresentanti internazionali e del settore privato. L’importanza attribuita a questo tema, sottolinea la minaccia maggiore cui siamo sottoposti e l’interesse delle istituzioni a tutelare i cittadini attraverso un crescente impegno del nostro governo. Come ho ribadito ieri durante l’audizione del prefetto Pansa è necessario – tuttavia – che si ponga all’attenzione delle nostre istituzioni il danno che gli attacchi cibernetici causano non solo agli enti pubblici ma anche a quelli privati.

Come ribadito in più occasioni anche dalla ministra Pinotti, la rete coinvolge tutti gli aspetti della vita: dai servizi finanziari al sistema sanitario, dai mezzi di trasporto ai mass media, dai conflitti tra i popoli ai reati contro le persone e perfino quelli di svago. Il mondo virtuale sembra essere diventato sempre più centrale anche per la nostra quotidianità ed ovviamente per la nostra sicurezza. I rischi della minaccia ciberneticacyber crime 2 riguardano il sabotaggio informatico delle infrastrutture critiche, eventi potenzialmente catastrofici  o anche di minore entità, ma non per questo meno considerevoli, come quello del maggio scorso al  “WannaCry“, che ha bloccato i sistemi informatici in 150 paesi del mondo.

Dopo numerose visite a strutture specializzate nel campo della sicurezza delle informazioni ed il dialogo con soggetti qualificati provenienti dal mondo accademico e militare, ho portato all’attenzione delle due Commissioni e del prefetto Pansa, la necessità dell’infrastrutturazione dei sistemi  col controllo delle aziende partecipanti ai bandi, spesso non italiane. Anche per far fronte a ciò, di recente, il nostro sistema, si è dotato di nuovi strumenti (introdotti con il DPCM del 17 febbraio 2017): l’unificazione in un’unica struttura dei due Cert e la realizzazione di un centro di valutazione e certificazione dei congegni per le infrastrutture critiche.

Come sottolineato oggi durante il seminario alla Camera dei deputati, la Difesa italiana sta facendo molto per contrastare le crescenti minacce cibernetiche; la costituzione del Comando Interforze per le operazioni cibernetiche (CIOC) ed i cyber-poligoni ne sono la dimostrazione.  Molte delle parti intervenute al seminario hanno ribadito l’importanza di investimenti nel campo della ricerca per fronteggiare il cyber-crimine, ma anche la necessità di cooperazione tra tutti i settori, da quello pubblico al privato e dal mondo accademico e della collaborazione di tutti i Paesi e istituzioni partner come l’UE e la NATO.

Tonino Moscatt

scrivimi a: quidifesa@masterlex.it

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi