Il valore delle Forze armate nel fronteggiare le emergenze

0

Amici lettori, per “Qui Difesa” di questa settimana, considerate le ultime ultime calamità naturali che hanno colpito il nostro Paese, ho pensato di parlarvi di come le Forze armate fronteggiano tali emergenze.

Il nostro Esercito è stato spesso impiegato, negli ultimi anni, in attività di soccorso alle popolazioni colpite da pubbliche calamità. Le Forze armate sono sempre intervenute tempestivamente, mobilitando risorse di terra e perfino le aeree navali con mezzi e uomini per operazioni di soccorso alla popolazione, la rimozione delle macerie, l’allestimento di campi base dei soccorritori e le aree di ricovero.

Lo stesso intervento attuato in occasione dei recenti tragici eventi sismici, ma anche di fronte ad altri fenomeni come le alluvioni, inondazioni, incendi, dissesti geologici; fenomeni nei quali l’Esercito ha svolto un ruolo determinante, tanto nelle fasi iniziali, quanto nel successivo processo di stabilizzazione e assistenza.

Con l’evento sismico che lo scorso 24 agosto ha colpito il centro Italia, le nostre Forze armate sono state impiegate nell’Operazione “Sabina” con lo schieramento di 1250 soldati e 430 mezzi sia tattici che speciali del genio e mezzi commerciali  sotto il comando del Brigadier Generale Sergio Santamaria. In collaborazione con la Protezione civile e i Vigili del fuoco, si è provveduto alla salvaguardia dell’incolumità dei cittadini e alla realizzazione di un ponte per il ripristino della viabilità stradale dopo i danni provocati dal sisma. Insieme ad alcuni colleghi della Commissione Difesa, in missione nei luoghi del terremoto , ho incontrato i nostri soldati e constato di persona come il nostro Esercito opera “a tutto campo” con grande professionalità.

L’impiego di unità delle Forze armate può avvenire per iniziativa dei Comandanti, impiegando tutte le forze dislocate nell’area dell’evento, o su richiesta delle Prefetture al 1° Comando delle Forze di Difesa o su ordine dei Comandi sovraordinati e del COI Difesa (Comando Operativo di Vertice interforze). In caso di calamità, le unità stabiliscono un contatto immediato con la Prefettura ed intervengono, con gli assetti in quel momento disponibili (di livello squadra/plotone), per garantire un primo soccorso e acquisire maggiori informazioni. Inoltre, viene subito inviata un’unità di collegamento presso i centri operativi e di coordinamento attivati dalla Protezione civile sul territorio, o dalle Prefetture. Con riferimento alla composizione delle forze, accanto ai nuclei di collegamento sono stati permanentemente costituiti i nuclei di ricognizione, le unità di livello variabile (squadra/plotone) e le unità per interventi in caso di pubbliche calamità. In particolare, queste ultime, a livello plotone su base Genio, devono essere in grado di agire entro dodici ore dalla richiesta di intervento.

Di fronte a simili situazioni di emergenza, il ruolo svolto dalle Forze armate rappresenta solo una parte dei provvedimenti ad hoc che il governo adotta. E’ grazie, infatti, alla cooperazione tra le diverse forze e istituzioni del Paese che è possibile predisporre un piano di aiuti efficace. Nei prossimi numeri di “Qui Difesa” porterò un contributo del Generale  Sergio Santamaria e la sua diretta testimonianza in seno alle Forza armate impegnate nelle emergenze.

Tonino Moscatt

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi