Calcio: accordo Figc-Intralot, 20 ottobre udienza al tribunale civile di Roma

0

Roma, 13 ott. (AdnKronos)Approdato in Parlamento, oggetto di interrogazioni e interpellanze, l’accordo di sponsorizzazione Figc-Intralot finisce anche davanti al giudice. Tre avvocati, Alessio Di Amato, Samantha Caminiti e Anna Maria Rosaria Carbone, hanno inoltrato ricorso al Tribunale Civile di Roma chiedendo di vietare alla federazione sia di dare evidenza allo sponsor in occasione di qualsiasi manifestazione collegata alla Nazionale, sia di pubblicizzare il rapporto di sponsorizzazione. In sostanza, l’intento è di bloccare l’accordo tout court. La richiesta, riferisce Agipronews, è stata inviata venerdì 7 ottobre con procedimento d’urgenza, motivato dall’imminente impegno della Nazionale con la Macedonia. Nello stesso giorno è arrivata la risposta del giudice della IX Sezione, Fausto Basile, che da una parte ha rigettato la procedura d’urgenza, dall’altra ha convocato le parti per il 20 ottobre.

Sulla Nazionale italiana, argomentano i ricorrenti “converge l’attenzione e l’interesse non solo degli appassionati di calcio, ma in genere di tutti i cittadini italiani”. E poiché, secondo il meccanismo delle sponsorizzazioni, tale interesse si trasferisce anche allo sponsor, l’accordo Figc-Intralot diventa “una associazione idonea determinare, sia nei più grandi sia nei più piccini, una pericolosa forma di assuefazione e di accettazione del gioco d’azzardo come intimamente connesso al fenomeno sportivo”. Nella sua risposta, il giudice rileva che “al di là del giudizio morale sulla opportunità di associare in termini propagandistici valori e sentimenti così distanti tra loro”, nel ricorso non vengono individuati “eventuali profili di violazione della normativa vigente in materia di gioco d’azzardo” e che in ogni caso “la legislazione italiana ha da tempo legalizzato il gioco d’azzardo, disciplinandone contenuti e modalità”.

(Red-Spr/AdnKronos)

 

Replica

la tua email non verrà pubblicata

Puoi usare HTML e attributi : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito utilizza cookie. Utilizzando il sito in qualunque forma, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Masterlex.it fa uso di cookie tecnici per ricordare la scelta dell'utente, cookie di profilazione e di terze parti pertanto si richiede il consenso nella qualità di intermendiari tecnici. Procedendo con la navigazione in qualunque maniera anche facendo scroll o mediante accesso ad altra area del sito comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. Consulta L'informativa Estesa per maggiori informazioni

Chiudi